Back to Top

Taormina

29 Luglio 2021|700 Views|0 Comments
Taormina

Sentieri in Sinestesia

»Anna D’Angelo

Io non vedevo l’ora  di viaggiare nuovamente alla scoperta di luoghi emozionanti per riprendere la sinestesia là dove l’avevo lasciata…profumi, sapori, colori, musiche e sentori.

Mi è bastato unir quei cinque sensi che immediatamente il sesto mi ha suggerito la bella colorata fiorente ed incantatrice Sicilia!
Butto un po’ di colori in valigia un pizzico di “salagadula” e….Bibbidi Bobbidi bu mi ritrovo a Taormina, quella splendida cittadina situata su un promontorio che divide lo stretto di Messina e il Mar Jonio. Nacque con il nome di Tauromenium che significa abitazione sul Tauro.
La mia sempre irrefrenabile curiosità mi accompagna a scoprire quel che gira intorno alla Perla Mediterranea tra storia, mitologia e leggende. Ve ne voglio raccontare due, tre…finchè nel mio girovagar non mi verrà un certo languor!
Taormina-storicaIL BARONE VON GLOEDEN

Si narra che Taormina si vestì di fama internazionale da arcadici scatti del Barone Wilhelm Von Gloeden, al quale si attribuisce la nomea oltre che di eccelso fotografo, anche di grande seduttore omosessuale, vanta una collezione di nudi di giovani ragazzi con i quali divideva generosamente i proventi dei suoi scatti ,un gesto filantropo che arricchì alcune povere famiglie taorminesi. Diede vita ad un particolare turismo che chiamarono “Turismo Scandaloso”  grazie al quale Taormina ne trasse benefici economici! Ben presto Van Gloeden divenne “uno del posto” rispettato come amico e benefattore grazie al suo denaro che offriva a chi ne avesse bisogno!
Van-gloeden-pictureSIRENE DEL SIRINA

Il Sirina è un torrente che da Castelmola arriva ai Giardini Naxos segnando il confine con Taormina.
Un’ antica leggenda narra che durante una notte di luna piena alcune fanciulle locali, attratte da riflessi argentei della luna e da melodici canti, scesero verso il mare ma non fecero più ritorno, con  la loro candida puerizia furono trasformate in luminose Sirene.
E’ incredibile come ancora oggi si guardi in fondo al mare per cercare di scorgere qualcosa di fulgido ed arcano!
sirene-del-sirinaI LUPINARI di TAORMINA 

Questa leggenda è la più bella di tutte! Sentite un po’…
I Lupinari erano degli stregoni che vivevano in contrada Luppineria vicino a Castelmola
Nelle notti di plenilunio questi stregoni giravano per le strade seminando terrore, trasformandosi in porci e per poter tornare umani dovevano essere punti da un chiodo di “ugghiata”, un’asta di virgulto di castagno lunga due metri!
Sarà pur vero che la leggenda è lontana dalla realtà ma vi assicuro che se provate a fare due passi da quelle parti dopo mezzanotte e con la luna piena sentirete ancora la presenza di questi stregoncelli attraverso un leggero vento canterino!
lupanari-leggenda-taormina-missannadVILLA ZUCCARO

Dopo lunghe passeggiate esplorative sento il desiderio di avvicinarmi a quel senso che regala grandi soddisfazioni alle mie  papille gustative.
Percorro una scala Tra Porta Messina e Porta Catania nelle vicinanze del Duomo e mi ritrovo in piazza del Carmine in pieno centro storico.
Qui sorge una villa in pietra del XVII secolo circondata da un verde polmone e da alberi secolari “Villa Zuccaro”pizzeria-villa-zuccaroUna sosta in quel che si direbbe un piacevole ristoro, un luogo dove la pizza regna su un podio tricolore!
Il proprietario Giorgio Di Pasquale si avvale della collaborazione di Corrado Bombaci responsabile del locale e vincitore del primo premio a Londra come miglior pizzaiolo 2019!
Corrado vince con la sua pizza “Pugliese”, un trionfo di sapori mediterranei tra pomodoro san marzano, stracciatella di bufala, prosciutto crudo, olio evo e pomodorini arsi al sol di Sicilia! Uno straordinario incrocio di due splendide Regioni.
Mi racconta che il segreto lo scopriamo nella farina rigorosamente macinata a pietra, nell’impasto lasciato riposare 48 ore, nella manualità con cui stenderlo e negli ingredienti a “chilometri zero” e… un segreto che resta segreto e come ogni buon cuoco non svelerà mai!
Tra le sue migliori creazioni la pizza “Regina di Bronte” con i pistacchi e la Pizza Taormina con uvetta capperi cipolla e tonno conquistano in assoluto il mio palato!
Nel 2018 conquista il terzo posto nel Giro Pizza d’Europa a Riva del Garda,
Corrado Bombaci inizia il suo percorso culinario a 13 anni ad Avola per poi trasferirsi successivamente a Siracusa dove conosce la chef Roberta Rinci sua attuale compagna e madre dei suoi figli. Grazie a Roberta incontra il proprietario di Villa Zuccaro dove oggi lavora con grande entusiasmo! La frase che più lo identifica è “grande impegno per evolvere”!
Ecco il suo segreto, volontà, passione, tenacia!
corrano-bombaci-vincitore-pizza-senza-frontiere-2019Quello che ho amato di Taormina è quell’aria sempiterna che si respira passeggiando, se anche non sapessimo che è tra le più antiche colonie greche della Sicilia, riusciremmo a scoprirlo perché la terra sussurra, il vicino vulcano Etna sempre attivo comunica con tutti a voler determinare l’essenza di questa magnifica isola e della sua vivace cittadina.
“Villa Zuccaro” non potrebbe esistere in un contesto migliore, Taormina sembra il suo perfetto abito taylor made e perfetto è quel tripudio di profumi, sapori e colori che gratificano non solo i nostri cinque sensi ma anche il nostro spirito!

 

 

 

Link Suggeriti:
Taormina di Goccediperle
Villa Zuccaro

Libri Consigliati:

I Peccati e gli Amori di Taormina di Gaetano Saglimbeni
Taormina l’Isola nel Cielo di Toto Roccuzzo

 

 

 

 

 

 

 

7

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *