Il Pianeta Terra quando sarò grande

by Anna D'Angelo

11.05.22
Un Parlamento Virtuale

Michele PontrandolfoMarco Martinuzzi sono gli esploratori polari, testimonial di questo straordinario progetto:
Il Pianeta Terra quando sarò Grande.

Quattro spedizioni nei quattro più grandi ghiacciai del nostro pianeta per portare la bandiera disegnata dai bambini.Islanda, Polo NordGroenlandia e Polo Sud saranno i quattro ghiacciai raggiungibili dagli esploratori che porteranno la loro testimonianza con un messaggio di speranza per il futuro, un contributo per salvare l’ambiente che sta subendo una rapida e insostenibile involuzione.

pontrandolfo-martinuzzi michele-marco-spedizione
E’ stato creato un parlamento virtuale dove i bambini saranno i protagonisti di questa straordinaria iniziativa disegnando, ognuno con la propria creatività, la bandiera per la terra.Una proposta per promuovere un sentimento green che Michele Marco porteranno tra i ghiacci polari.
Il nostro pianeta ha bisogno di aiuto, la sensibilità dei bambini ci precede, la nostra responsabilità sarà il miglior sostegno per il loro futuro.Per info su logistica, contributi e partecipazioni:
Share

1 commento

  1. Anna D'Angelo

    jxajxacjscjscskckck

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

MissAnnaD

Un blog interattivo dove la scrittura è l’acquerello di tutte le nostre voci perchè scriviamo divertendoci e ci divertiamo scrivendo!
Buon viaggio in sinestesia con MissAnnaD

Se vuoi collaborare con noi

Iscriviti alla newsletter

Ascolta il mio Podcast 
“Raccontami una storia”

Identikit del mondo

Esplora la mappa

Il meglio del mese…

Film


Il Tutto Fare di V.Attanasio (Netflix)

________________

1917 di S.Mendes e K.Wilson Cairns(Netflix)

Serie TV

True Detective di Fukunaga e N.Pizzolato (Skygo)

———-

Echoes di V.Gazy (Netflix)

Viaggi


Corea del Sud

————-

Perù

————

Singapore

Ricette
Curiosità

Lo sapete come è nata la Guida Michelin?

La guida Michelin fu ideata da due fratelli, Édouard e André Michelin, nel 1898, nove anni dopo la fondazione dell’omonima Fabbrica di Pneumatici francesi. I due iniziarono quasi per gioco a redarre un piccolo breviario che rendesse più piacevole lo spostamento degli allora pochi automobilisti francesi.
Il piccolo libretto di quattrocento pagine, scritto dai fratelli Michelin, conteneva diverse informazioni: stazioni ferroviarie, medici e farmacisti, meccanici e benzinai, e naturalmente gommisti, collocati in almeno 2000 località di cui veniva fornito anche il numero di abitanti residenti.

Insomma, la  Guida Michelin era un’ottima compagna di viaggio che inizialmente veniva offerta gratuitamente. Non si poteva ancora pensare ad un business visto che le automobili in tutta la Francia erano appena 3000. La svolta avvenne per caso. Si narra che Andrè Michelin in sosta dal benzinaio, notò che una pila di sue guide era utilizzata come spessore per ovviare alla mancanza di una gamba di un tavolo. La lungimiranza non mancava ad Andrè: era convinto che l’automobile avrebbe caratterizzato tutto il ‘900 e non si sbagliava. Decise allora di trasformare il piccolo libretto gratuito in una guida a pagamento.

Il calendario di MissAnnaD

Cosa vorresti leggere il prossimo mese?



    Spotify di MissAnnaD