L’Artigianato torna a risplendere!

by Anna D'Angelo

15.09.18

Quando la passione incontra il talento

In uno storico quartiere partenopeo sorge Borgo Orefici connola dell’arte orafa fin dal trecento. Un’arte che ha trasmesso tradizioni e valori degne di maestose discendenze.

Qui, nell’antico rione del quartiere Pendino, nasce la storia di Armando Castronuovo fondatore e titolare della omonima azienda Castronuovo Gioielli.

L’appena sedicenne Armando non sa che ben presto quelle schegge d’oro che  forgia, conforma e plasma diventeranno passione per cui dedicarne la vita intera. Passione ma anche impeto e intento, tre pensieri pilastri accompagnati da una volontà che hanno reso possibile il sogno di un adolescente che “voleva provare ad illuminare il suo futuro” riuscendoci magistralmente!

Oggi a completare quel sogno pragmatico si sono uniti anche i figli Carmen e Alfonso rispettivamente responsabili del commerciale e della produzione. Il loro credo è familiare, l’allegria che li accompagna è ancestrale, due componenti che esaltano le loro doti rendendoli decisamente artigiani di ineguagliabile nicchia. Li ho osservati con ammirazione e ne sono rimasta affascinata per ore mentre Armando, Carmen e Alfonso creano, lavorano con bulini, ciappole e punzoni, producono e realizzano. La scelta delle pietre e soprattutto dei diamanti avviene con minuziosa cernita, l’attenzione ad ogni dettaglio fa dei loro gioielli dei preziosi monili di eccezionale singolarità. 

solitario-castronuovo

Ad illuminare il loro talento, Chiara Vitale, responsabile comunicazione e marketing, con foto splendide, appassionati racconti e un occhio di critica costruttiva sempre in continua evoluzione.

Come in ogni nuovo “bon ton ” che si rispetti non può di certo mancare l’importanza di un diamante indossato,  elegante ma rigorosamente sobrio, notevole ma di distinguibile unicità, essenziale e mai ordinario e come direbbe James Bond nel film “Una Cascata di Diamanti”* ci si ritaglia il vetro, invita ad un matrimonio ed è il migliore amico di una donna! Castronuovo Gioielli lo sa perché la sua è una storia in costante progresso.

castronuovo-luxury-collectionFoto di Chiara Vitale

 

www.castronuovogioielli.net

*Una cascata di diamanti

 

 

 

 

 

 

Share
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Brava sister, sempre a caccia di eccellenze!
si son bellissimi!!!!!!
Anna, hai riportato in modo splendido quello che accade nella nostra “bottega artigiana”, semplicemente Grazie
Questi gioielli sono opere d’arte e trasmettono tutto ciò che ho scritto…grazie a voi di avermi regalato l’opportunità di indossarli!

MissAnnaD

Un blog interattivo dove la scrittura è l’acquerello di tutte le nostre voci perchè scriviamo divertendoci e ci divertiamo scrivendo!
Buon viaggio in sinestesia con MissAnnaD

Se vuoi collaborare con noi

Iscriviti alla newsletter

Ascolta il mio Podcast 
“Raccontami una storia”

Identikit del mondo

Esplora la mappa

Il meglio del mese…

Film


Il Tutto Fare di V.Attanasio (Netflix)

________________

1917 di S.Mendes e K.Wilson Cairns(Netflix)

Serie TV

True Detective di Fukunaga e N.Pizzolato (Skygo)

———-

Echoes di V.Gazy (Netflix)

Viaggi


Corea del Sud

————-

Perù

————

Singapore

Ricette
Curiosità

Lo sapete come è nata la Guida Michelin?

La guida Michelin fu ideata da due fratelli, Édouard e André Michelin, nel 1898, nove anni dopo la fondazione dell’omonima Fabbrica di Pneumatici francesi. I due iniziarono quasi per gioco a redarre un piccolo breviario che rendesse più piacevole lo spostamento degli allora pochi automobilisti francesi.
Il piccolo libretto di quattrocento pagine, scritto dai fratelli Michelin, conteneva diverse informazioni: stazioni ferroviarie, medici e farmacisti, meccanici e benzinai, e naturalmente gommisti, collocati in almeno 2000 località di cui veniva fornito anche il numero di abitanti residenti.

Insomma, la  Guida Michelin era un’ottima compagna di viaggio che inizialmente veniva offerta gratuitamente. Non si poteva ancora pensare ad un business visto che le automobili in tutta la Francia erano appena 3000. La svolta avvenne per caso. Si narra che Andrè Michelin in sosta dal benzinaio, notò che una pila di sue guide era utilizzata come spessore per ovviare alla mancanza di una gamba di un tavolo. La lungimiranza non mancava ad Andrè: era convinto che l’automobile avrebbe caratterizzato tutto il ‘900 e non si sbagliava. Decise allora di trasformare il piccolo libretto gratuito in una guida a pagamento.

Il calendario di MissAnnaD

Cosa vorresti leggere il prossimo mese?



    Spotify di MissAnnaD